La “grande” lettura: alcune attuali caratteristiche dell’abilità di lettura rilevanti per la didattica

Autori

  • Dario Corno
  • Silvia Demartini

DOI:

https://doi.org/10.33683/didit.23.03.01

Sunto

La lettura, oggi, è una lettura grande (una iperlettura), nel senso che porta i lettori, anche i più giovani, a muoversi rapidamente con lo sguardo e con la mente fra parti di informazione di cui dovrebbero riuscire a ricostruirsi il quadro complessivo, per riuscire a comprendere efficacemente. Ciò è la conseguenza di un contatto sempre più precoce e assiduo con nuovi strumenti e dispositivi tecnologici tramite cui si legge, che, grazie soprattutto alle risorse e alle modalità d’uso di Internet, inducono il formarsi di un nuovo tipo di lettori e lettrici, con tratti cognitivi in parte nuovi. È tutto perduto oppure è possibile osservare il fenomeno con occhi nuovi, cogliendone i rischi ma anche il potenziale? Tra storia e attualità, l’articolo si propone di indagare queste dimensioni, con uno sguardo attento a chi oggi si trova a operare nel mondo della scuola. La strada è certamente lunga e inesplorata, quindi sono quanto mai urgenti studi ed esperienze didattiche sull’argomento.

##submission.downloads##

Pubblicato

2023-12-20

Come citare

Corno, D., & Demartini, S. (2023). La “grande” lettura: alcune attuali caratteristiche dell’abilità di lettura rilevanti per la didattica. DIDIT. Didattica dell’italiano. Studi Applicati Di Lingua E Letteratura, (3), 11-39. https://doi.org/10.33683/didit.23.03.01

Fascicolo

Sezione

Studi e ricerche

Puoi leggere altri articoli dello stesso autore/i